Pubblicato il 26 maggio 2015 Articolo scritto da Luigi Ferrara

5 Tool utili per elaborare Digital Strategy e Analisi di Benchmarking

5 Tool utili per elaborare Digital Strategy e Analisi di Benchmarking

Sarà capitato anche a voi, soprattutto se lavorate nel settore digital, di dover analizzare le performance di un brand sui social network e/o sul web, per elaborare una strategia di azione o magari anche per il benchmarking con i competitor dei vostri clienti.

Quando si tratta di pagine e siti per i quali avete accesso al pannello di amministrazione è tutto più facile, perché le piattaforme di analytics native forniscono già moltissime informazioni. I problemi cominciano quando vi trovate davanti a properties a cui non potete accedere.

Ad esempio, come faccio a sapere quanti utenti visitano un sito ogni mese, o quanti like riceve in media ogni post di una determinata pagina Facebook senza andare a guardare gli insight?

(more…)

Pubblicato il 14 maggio 2015 Articolo scritto da Alessandro Caliandro

Disoccupazione, lavoro, startup: l’agenda politica che non c’è

Secondo voi i politici parlano di disoccupazione? E di sharing economy?

Se diciamo #lasvoltabuona, #Enricostaisereno o #gattiniconsalvini saprete sicuramente a cosa ci stiamo riferendo: sono hashtag nati per mano di alcuni politici o che riguardavano da vicino i nostri leader.

Il marketing politico ha, infatti, fissato il suo più recente confine su Twitter. Tanti aspetti del social network di Dorsey piacciono ai politici di casa nostra: la velocità di diffusione del mezzo, il suo basso costo, la possibilità di bypassare il filtro giornalistico e arrivare direttamente al pubblico. Ma proviamo ad andare oltre: cosa resta al di là di un hashtag simpatico?

(more…)

Pubblicato il 11 maggio 2015 Articolo scritto da Rosaria Toriello

#GattiniSuSalvini: da fenomeno goliardico a strumento di propaganda politica?

Avete seguito la vicenda #GattiniSuSalvini? Se vi siete persi qualche pezzo vi do io una mano a ricostruire quanto è accaduto sui social nei giorni scorsi.

C’era una volta un tenero gattino… e poi un altro, un altro ancora, 10, 100, 1.000, 20.000 e oltre (forse), tutti portatori di dolcezza e “pucciosità”. Con i loro musini, in men che non si dica, hanno invaso la pagina del leader di Lega Nord Padania, Matteo Salvini.

Vi state domandano come e perché?! Se state pensando che Salvini abbia affermato di essere allergico ai gatti o che voglia cacciare i felini dall’Italia vi state sbagliando. Il fenomeno si è propagato (viralmente) dopo un invito ad un evento diffuso su Facebook: il Virtual Flash Mob “Gattini su Salvini! —– inondazione controllata di gattini virtuali sulla bacheca di Salvini”. L’evento è stato creato da Progetto Kitten, un gruppo di ragazzi la cui mission è “portare pucciosi gattini messaggeri di amore sulle bacheche di chi se la prende troppo sul serio!”.

Il primo ad esser stato preso di mira è stato proprio Salvini (ma non l’ultimo, almeno da quanto scrive Progetto Kitten in post su Facebook). I partecipanti che hanno confermato la loro “presenza” all’evento programmato in data 7  Maggio dalle ore 15.00, presso la “bacheca di Salvini”, sono stati oltre 26.000.

#GattiniSuSalvini: evento Facebook

#GattiniSuSalvini: evento Facebook

(more…)

Pubblicato il 8 maggio 2015 Articolo scritto da Alessandro Caliandro

Chi sono i politici più amati su Twitter?

Secondo appuntamento con l’analisi del mondo della politica su Twitter. Dopo aver rilevato chi sono i politici più coinvolti nei discorsi dei cittadini su Twitter, oggi parliamo di web reputation in politica. Innanzitutto sgombriamo il campo da equivoci: la reputation online di un politico non si traduce in modo diretto in voti. Una cosa è la comunicazione (politica) fatta sui social, altra cosa è il consenso elettorale (i voti).

Chiaramente godere di una reputation online positiva è importante e aiuta, perché condiziona la percezione dell’opinione pubblica, alimenta il circuito autoreferenziale dei media, fa aumentare la propria popolarità e può ridurre il rischio che i propri messaggi vengano fraintesi e criticati; ma questo è solo uno dei tanti fattori che possono far tendere l’ago della bilancia verso un candidato piuttosto che un altro nel percorso elettorale. Se la comunicazione politica online sarà poi così influente da condizionare il risultato dell’urna lo scopriremo poi. A quanto pare, però, questo concetto non è chiarissimo a tutti.

Salvini su Facebook

(more…)

Pubblicato il 27 aprile 2015 Articolo scritto da Alessandro Caliandro

Chi sono i politici più twittati?

Chi sono i politici più twittati in Rete? Oggi iniziamo a esplorare su Viralblog il mondo della politica, aiutandoci con l’analisi netnografica e il community listening.

Vi siete mai chiesti chi è che si rivolge ai politici sui social network? I cittadini parlano con i loro rappresentanti attraverso i canali social? Chi è il politico più bersagliato o elogiato della Rete? I big data ci aiutano a capire come si muovono su Twitter i personaggi politici, dandoci anche importanti segnali sulla loro reputation.

Il nostro focus di oggi è l’analisi del discorso sui politici, nel mare magnum di Twitter, che è ormai diventato il medium di riferimento dei protagonisti della cosa pubblica e dunque anche dell’agenda giornalistica. Ci siamo chiesti: chi sono i politici più coinvolti nei discorsi dei cittadini su Twitter? Per chi è pratico di Twitter il fulcro del nostro ragionamento è la mention (@).

La base dati su cui è stato sviluppato il seguente lavoro consiste in 151.553 tweet in lingua italiana raccolti tra l’1 e l’8 Aprile 2015.

Quella che vi proponiamo è una classificazione di un insieme di dati, estrapolati da Twitter e segmentati secondo categorie semantiche proprie del contesto culturale politico – piuttosto che secondo categorie proprie dell’ecosistema di Twitter (es. n° di Follower). Abbiamo costruito una classifica dei personaggi politici e delle entità politiche più menzionate su Twitter, segmentandoli per area politica di appartenenza/attività. Le categorie utilizzate sono le seguenti: Ministri, Deputati, Senatori, Europarlamentari, Governatori di Regione, Sindaci di capoluogo di Regione, Partiti, Sindacati, Istituzioni, Altro (dove la categoria ‘Altro’ è tutt’altro che residuale poiché comprende personaggi molto attivi nella comunicazione politica su Twitter ma privi di incarichi istituzionali, come ad esempio Beppe Grillo).

(more…)

Pubblicato il 16 aprile 2015 Articolo scritto da Andrea Vecchione

Cos’è una Community online? I 4 principi fondamentali del Community Management

COMMUNITY MANAGEMENT550

 

Che cos’è una Community online? Community Management e Social Media Management sono la stessa cosa? Tutti questi termini sono ormai entrati nel linguaggio comune, almeno per chi è appassionato di mondo digitale o aspira a diventare un “social media coso”, come amo definirmi io. Forse però non siamo mai andati davvero oltre l’etichetta.

Dare soldi vedere cammello – Negli ultimi tempi ci ha pensato Zuckerberg a cambiare le carte in tavola, modificando, per fini commerciali, la vocazione profonda del gioiellino Facebook. Prima ci ha fatto affezionare al concetto di viralità, all’idea che la condivisione spontanea frutto dell’interattività dei nostri fan fosse la chiave di tutto, poi, da circa due anni (a partire dall’estate 2013) è iniziata la mutazione. Dal mio punto di vista, oggi, il più famoso social network si è trasformato in paid media (e non sono solo io a pensarla così!). A voler essere “buoni”, i meccanismi spontanei di viralità sono rimasti in piedi, ma solo se correlati ad un determinato tipo di investimento economico. Ecco perché, se prima era più facile equiparare le dinamiche di Facebook a quelle di una qualsiasi Community, oggi bisogna fare molta più attenzione.

(more…)

Pubblicato il 9 aprile 2015 Articolo scritto da David Consolazio

Mobile Payment: benchmarking dei player del settore

Il mobile payment sta diventando una pratica sempre più diffusa tra consumatori ed esercenti. Soprattutto vediamo come diversi player si stanno affacciando su questo nuovo ed innovativo mercato; player di rilievo quali Google, Apple, PayPal o Ubi Banca.  L’elemento discriminante del mobile payment è l’uso dello smartphone come leva di innovazione nel processo di pagamento, indipendentemente dagli strumenti di pagamento utilizzati e dalle tecnologie di comunicazione adottate. Le App di mobile payment, per essere definite tali, devono tuttavia svolgere almeno quattro funzioni fondamentali: pagamento in prossimità, pagamento da remoto, mobile commerce e trasferimento di denaro tra dispositivi mobile.

Al fine di comprendere meglio questo fenomeno emergente abbiamo deciso, in collaborazione con il Centro Studi Etnografia Digitale,  di operare un mappatura del mercato del mobile payment attraverso un’analisi di benchmarking dei principali player del settore, analizzando i servizi offerti e le tecnologie a supporto utilizzate.

I risultati del nostro studio sono sintetizzati nell’Infografica che troverete qui sotto e nel commento analitico che segue.

  (more…)

Pubblicato il 3 aprile 2015 Articolo scritto da Luigi Ferrara

Come usare i social media per lanciare una startup (e coinvolgere gli influencer): il workshop tenuto alla #BattleMI

Quando si fa il lavoro che faccio io, può capitare di essere chiamati a tenere uno speech per condividere la propria esperienza durante una giornata di formazione. Questo recentemente è accaduto durante La Battaglia delle Idee 2015, evento organizzato da Ninja Marketing, di cui Viralbeat è stata partner per la terza volta. La #BattleMI di quest’anno è stata il main event del Global Entrepreneurship Congress 2015 e si è articolata in una due giorni di formazione e networking, conclusasi poi con la battaglia a suon di rap degli startupper.

I “cugini” (nonché ex colleghi) della Ninja Academy mi hanno chiesto di spiegare in 45 minuti come si possono usare i social media per lanciare una startup: devo dire che non è stato semplice riassumere una materia così vasta in poco tempo, ma ci ho provato. Per chi non era presente, ma anche per qualcuno che era presente e vuole rinfrescare i concetti, ecco una sintesi del mio intervento.

Hai fondato una startup. E adesso?

Non può esserci un valido approccio pratico senza un’adeguata base di teoria. E quindi rispolveriamo un attimo il concetto (per la verità già citato nel lontano 1999 dal Cluetrain Manifesto) che una volta entrati sul mercato, si diventa inevitabilmente parte delle conversazioni che lo compongono.

Analizza!

La stragrande maggioranza delle opinioni postate dagli utenti sono spontanee, in particolar modo quelle sui social network, e questo le rende importantissime perché possono essere analizzate e comprese.

(more…)

Pubblicato il 6 marzo 2015 Articolo scritto da Rosaria Toriello

Viralbeat alla BattleMI #GEC2015

BattleMI

Viralbeat anche quest’anno è partner de La Battaglia delle Idee. L’evento organizzato da Ninja Marketing e Ninja Academy, dedicato a startupper e innovatori, dopo il successo delle due precedenti edizioni di Napoli e Salerno, sbarca a Milano, al MiCo, il 18 Marzo 2015.

La #BattleMI sarà il main event del GEC, il Global Enterpreneurship Congress, il più importante evento internazionale sull’imprenditoria innovativa, che per la prima volta quest’anno si tiene in Italia.

Come accaduto nelle precedenti edizioni, durante La Battaglia delle Idee ci saranno dei momenti utili per fare networking e aiutare gli startupper ad orientarsi e creare nuove connessioni, oltre a dei workshop formativi completamente gratuiti aperti a tutti.

(more…)

Pubblicato il 23 febbraio 2015 Articolo scritto da Luigi Ferrara

Guida alla lettura dei Facebook Insights – Parte 2

Guida alla lettura dei Facebook Insights – Parte 2

Nella prima parte della guida alla lettura dei Facebook Insights ci eravamo lasciati ai dati esportati al livello della Pagina.

Per quanto approfonditi e dettagliati anche a livello temporale, sono sempre dati aggregati della pagina, e conteggiano comunque una somma di diverse parti,  essendo riferiti a tutti i post pubblicati nell’unità temporale considerata, sia essa mese, settimana, giorno oppure ora.

Gli Insight di Facebook, per fortuna, ci permettono di andare più a fondo e avere i dettagli di ogni singolo post. Scaricare questo secondo report è importante anche perché può farci capire meglio diversi elementi, ad esempio sul funzionamento dell’algoritmo che gestisce la visibilità dei post, oppure su dei valori aggregati che troviamo nel report “grafico” sulla Pagina (per esempio il famoso PTA).

Il report dettagliato sui post dei Facebook Insights

Come per il report principale, per scaricare il file in formato Excel o csv basta cliccare in alto a destra, impostare l’intervallo di tempo che si vuole analizzare e selezionare “post level”.

(more…)

Older Posts »