Black Friday elementi per una strategia di successo
Black Friday: 7 elementi da monitorare per una strategia di successo

Black Friday è sinonimo di sconti e promozioni e lo sa bene il mercato italiano, infatti la maggior parte delle attività commerciali, erroneamente, attribuisce a periodi di sconti importanti proprio il nome di Black Friday. 

Se da un lato può sembrare come un improprio utilizzo dell’espressione, dall’altro la considerazione non è poi così lontana dalla realtà. Infatti, il “black” deriva dal colore della penna con cui i commercianti a fine giornata riportavano un bilancio positivo sui registri attività, contrariamente alla penna rossa utilizzata in periodi di ricavi in perdita.

Da un po’ di anni, grazie all’internazionalizzazione dei mercati, è stata importata da oltreoceano l’iniziativa di applicare sconti importanti durante l’ultimo weekend di Novembre, in prossimità dell’inizio degli acquisti natalizi.  Queste iniziative costituiscono un potenziale enorme per le vendite e hanno trovato una grande diffusione grazie anche all’introduzione di un sistema integrato di promozione che sicuramente passa dai social. Facebook, Instagram, Twitter, Youtube ad oggi vengono sempre più utilizzati per informarsi riguardo gli acquisti da fare, soprattutto nel periodo che precede il Natale.

Il consumatore non è più solo concentrato agli sconti del Black Friday, ma ne approfitta per acquistare i suoi prodotti preferiti al prezzo migliore. Per questo motivo è importante studiare la strategia adatta che sia di lungo periodo e non si concentri semplicemente al weekend “nero”.

Consumatore sempre più attento, esperto e intraprendente: è da questo identikit che bisogna partire per poter studiare una strategia di successo per il Black Friday.

 

1. Strategia di comunicazione

Acquisire il giusto tono sui diversi canali social è il primo passo da compiere per strutturare una strategia di promozione che sia variegata e coerente, purché ci si concentri sul canale dove si ha potenzialmente più possibilità di convertire. Sui social il video advertising, sembra riscuotere tantissimo successo perché racconta una storia, ha una percentuale di engagement maggiore rispetto le immagini statiche ed è uno degli strumenti migliori per incrementare le conversioni e generare lead. Grazie alla velocità con cui parla permette di comunicare in poco tempo e in maniera efficace, ammesso che sia coinvolgente e ingaggiante per l’utente.

 

2. E-commerce mobile

Circa il 50% degli utenti tra i 25 e i 34 anni acquista online da mobile non solo in occasione del Black Friday. (Fonte: StrikesocialDiventa di estrema importanza dunque offrire all’utente un’esperienza appagante di navigazione studiando un e-commerce che sia a misura di palmo di mano e che non abbia call to action nascoste e bottoni o comandi troppo piccoli. Integrare i diversi sistemi di pagamento si fa necessario, e il sito deve adeguarsi sempre più ad un utente digital confident e avvezzo al digital payment. Un’ulteriore azione da compiere è semplificare l’acquisto mettendo insieme gli articoli in una sezione specifica del sito, creando una landing o suggerendo delle soluzioni di prodotto che dirigono l’utente verso una scelta già compiuta.

 

3. Campagne mobile 

Mobile first, va senza dire, le campagne devono essere adatte al formato mobile, coinvolgere ed esplodere dallo schermo, emergere dall’assuefazione dei contenuti sempre a disposizione dell’utente che consulta fino a 15 volte al giorno il suo feed di Facebook (Fonte: Facebook).

 

4. Keyword specifiche

Non trascurare il potere del SEM: è importante presidiare keyword specifiche adatte a cogliere la propensione dell’utente, e di contro, lavorare di keyword inverse per non rischiare di apparire in ricerche che in realtà non riguardano il Brand per non intercettare traffico inutile.

 

5. Liste di remarketing 

Nel 2016 le ricerche degli utenti relative alla scoperta di offerte, di prodotti da acquistare è cominciata 3 settimane prima del Black Friday (Fonte: Thinkwithgoogle). È importante monitorare questi comportamenti, come tenere traccia tutti i segnali inviati dagli utenti che hanno già interagito con il sito del Brand. L’utente prima del Black Friday sonda il terreno, visita il sito, interagisce ed è utile poter cogliere questo legame e consolidarlo soprattutto in un periodo di grandi sconti.

 

6. Analytics 

In questa strategia Analytics  ha un ruolo importante, riesce a dare una chiave di lettura esauriente su come l’utente si interfaccia con il sito, studiare e analizzare i dati è di grande importanza per poter comprendere in che modo accoglierlo nella strategia e quali sono gli elementi su cui fare leva.

 

7. Customer Journey 

La ricerca degli utenti relativa all’acquisto dei regali di natale comincia molto presto, per questo il customer journey diventa molto più complesso, lungo e variegato. Bisogna avere molta cura nei confronti dell’utente, collocando il messaggio giusto in ogni step del funnel, in modo da veicolarlo in maniera sempre più efficiente alla conversione.

 

Una strategia di successo passa dai contenuti giusti; gli elementi essenziali da cui partire sono sicuramente un copy accattivante e un’immagine visivamente appetibile. Il consiglio è sempre quello di adeguare la strategia ai canali di riferimento. Il monitoraggio costante è il valore aggiunto da inserire nella pianificazione: è importante non trascurare il feedback degli utenti, piuttosto è utile percepire i segnali e tradurli in aggiustamenti, modifiche e miglioramenti per le proprie campagne. La chiave del successo è approfittare di queste occasioni per abbandonare temporaneamente il tone of voice ordinario, per far percepire all’utente l’eccezionalità della promozione.