Discussioni online sull’INCI: qual è l’impatto sui Beauty Brand?

Oltre 3.000 prodotti cosmetici e 30 brand: questa mole importante di dati (e informazioni) è stata oggetto della nostra ultima analisi, che esplora l’universo online del beauty e ha come focus le discussioni sull’INCI.

L’INCI, la denominazione internazionale che indica gli ingredienti presenti all’interno dei prodotti cosmetici, è uno dei topic più discussi online ed è per i consumatori un valido indicatore della qualità dei prodotti. L’attenzione delle persone verso il consumo consapevole e il benessere individuale cresce sempre di più anche nel settore della cosmesi, e le scelte d’acquisto e dei brand sono notevolmente influenzate da questi.

I risultati di questa analisi sono inaspettati e molto interessanti: uno degli insight emersi riguarda il prezzo dei prodotti beauty di fascia medio-alta, la cui superiorità rispetto ai prodotti di altre categorie non sembra giustificata, se essi vengono valutati sulla base della composizione dell’INCI.

Siamo stati fortemente incuriositi dal modo in cui le persone valutano online i prodotti in base all’INCI e abbiamo condotto questo studio quantitativo di brand reputation all’interno di un forum molto popolare, per rilevare l’impatto che le informazioni pubblicate dagli utenti hanno sulle scelte di acquisto e sulla percezione dei brand.

L’analisi che abbiamo sintetizzato nel paper scaricabile coinvolge 30 brand del settore cosmetico, per ciascuno dei quali è stato calcolato il valore medio dell’INCI, per essere paragonato a quello degli altri marchi. A tal fine, abbiamo combinato alcune tecniche di estrazione di big data ed elaborato un algoritmo per la sintesi e la comparazione dei risultati.

L’analisi ci restituisce una classifica dei brand più virtuosipercepiti tali dagli utenti per l’uso moderato o per l’assenza totale di sostanze aggressive per la pelle.

Un’analisi di questo tipo fornisce una panoramica generale di contesto, a partire dalla quale si possono aprire finestre di approfondimento per ciascun brand. Ci può addentrare tra le opinioni e i commenti degli utenti per rilevare ulteriori topic di discussione e motivazioni che conducono (o meno) all’acquisto. Un buon esempio di come la metodologia quantitativa, basata prevalentemente sull’estrazione e la manipolazione dei big data, si può integrare con la metodologia d’analisi qualitativa, e nello specifico con la Netnografia.

Abbiamo rilevato ciò che i consumatori dicono online e la percezione che hanno della qualità dei prodotti cosmetici e dei brand, in seguito alla valutazione dell’INCI. La brand reputation, come sappiamo, non dipende esclusivamente dall’immagine o dalla comunicazione istituzionale di un’azienda ma anche da tutte le conversazioni che avvengono in rete. Se il percepito dei consumatori diverge da quello che il brand realmente è, il primo passo da fare è intervenire per rettificare la percezione errata.

Scarica il paper e scopri i risultati della nostra analisi.


Inserendo le tue informazioni autorizzi Viralbeat a contattarti per fornirti ulteriori informazioni su come i suoi servizi possono aiutare il tuo business.