Pubblicato il 14 giugno 2012 Articolo scritto da vittorio

Guida alla brand page strategy su Facebook e Google+ [infografica]

Google Vs Facebook 300x195 Guida alla brand page strategy su Facebook e Google+ [infografica]Quale social network proporre ad un cliente che vuole creare e consolidare la propria social media presence? Meglio una brand page su Facebook o su Google+?

La risposta sembra scontata ma spieghiamo il perché lo è tramite questa infografica interessante trovata in Pinterest appena stamattina, che si propone di essere una Guida alla brand page strategy su Facebook e Google+.

Google+ arranca nonostante aver raggiunto la soglia rispettabilissima di circa 170 milioni di utenti in un anno, di cui 100 utenti attivi. Ironicamente c’è chi da il merito a Google di aver offerto a Facebook la possibilità di mantenere il proprio design “fresco” lanciando le Timeline:

I do like the Google+ interface and I am sure it had a significant impact on keeping Facebook fresh with its new “Timeline” design rollout and evolution.[Jeff Bullas blog]

Il vero problema di Google+ è l’engagement?

Personalmente continuo a postare contenuto relativo a questo blog su Google+ solo appunto perché si tratta di Google, e quindi c’è sempre la speranza che estragga un coniglio dal cilindro da un momento all’altro, ma devo dire che contrariamente a quanto affermato ad esempio da Shareaholic nell’ultimo suo report sul Referral Traffic (potete vederlo qui), Google+ ci porta quasi il triplo delle visite di Pinterest.

Ma se il traffico può essere considerato soddisfacente non si può dire lo stesso della partecipazione. Ecco cosa scrive Davide Pozzi del Tagliablog, riprendendo l’analisi condotta RJMetrics relativi all’engagment di Google+:

–     mediamente un post ottiene meno di un +1, meno di una risposta e meno di una ri-condivisione.
–     il 30% degli utenti che fa un post pubblico, non ne fa mai un secondo. Anche dopo aver fatto 5 post, c’è una probabilità del 15% che l’utente non pubblichi più nulla.
–     fra gli utenti che scrivono post pubblici, c’è una media di 12 giorni fra un post e l’altro.
–     uno “studio longitudinale” (cohort analysis) rivela che, quando l’utente fa un post pubblico, il numero medio di post pubblici che farà nei mesi successivi cala in modo costante. Questo trend è stato confermato in più studi ripetuti nel tempo.

Facebook is brand friendly

Facebook palesa una natura commerciale più aperta rispetto a Google+. Infatti, su quest’ultimo le brand page più celebri appartengono a marchi come Android, Mashable e Chrome, evidentemente più in linea con la natura dei Google+ user individuato nell’infografica in basso. Su Facebook invece i brand abbracciano più settori merceologici, inquadrandolo quindi come piattaforma di riferimento per chi vuole lanciare un prodotto destinato al consumo di massa. Coca Cola, Disney e Starbucks sono i top brand.

Inizia ad essere una perdita di tempo curare una brand page su Google+?

Domanda legittima. La risposta più dai numeri, in questo caso mi sento di poterla dare su base esperienziale. Da quando è nato Google+ un anno fa, non ho mai ricevuto una mail, una richiesta di qualsiasi tipo, da parte di un cliente che chiedesse di essere presente anche sul social network property di Google. Cosa che invece non è successo per Pinterest, che in pochi mesi ha fatto piovere richieste in questo senso. C’è da dire inoltre, che neanche da parte di noi strategist è mai partita la proposta di utilizzare Google+ come hub principale per il lancio di una campagna, o semplicemente un contest. Per Twitter e Pinterest invece anche in questo caso le cose sono andate diversamente, tanto da avere la possibilità di parlarne su questo blog con post di notevole successo.

Tempi duri per Google+ insomma. Ma per quanto tempo ancora?

Google+ vs Facebook e1339670226465 Guida alla brand page strategy su Facebook e Google+ [infografica]

Autore -

    • Vittorio Di Giacomo

      Perfettamente d’accordo Matteo. Una considerazione che mi era sfuggita.

    • Vittorio Di Giacomo

      Mi sa che hai ragione. Tra l’altro ho notato proprio oggi che, grazie al tasto share di google+ nella sharebar, ormai non mi loggo neanche più sulla mia pagina, ma carico contenuti (a volte senza neanche un breve commento) giusto per ricevere qualche clic al sito.

      In effetto mi chiedo come potrebbe mai esser scalzata quell’abitudine ormai radicata di entrare su Facebook e scorrere la bacheca per “vedere cosa succede”.